Miniere


Un tuffo nella vita sotterranea di allora

  • Condividi
    contenuti
aggiungi alla guida

Anche se è passato un bel po' di tempo da quando dal Nösslachjoch si estraeva carbon fossile e a Schwaz si cercava l'argento, ancora oggi è possibile partire alla scoperta delle località estrattive più importanti del Tirolo.

La miniera di Gries

Oltre 300 milioni di anni fa, profondi strati di roccia sono stati sospinti verso l’alto sovrapponendosi a strati più recenti. Questo fenomeno si è verificato solo in due punti dell'Austria, ossia nella zona del Pack e del Nösslachjoch.
Qui i visitatori potranno ammirare le peculiarità delle formazioni del periodo carbonifero, osservare diversi fossili e visitare una tipica foresta di carbon fossile. Inoltre troveranno un’ampia documentazione sull’estrazione e sul trasporto di tale materiale. L’ingresso della galleria “Friedrichstollen” e la sorgente d’acqua che da lì sgorga regaleranno ai turisti un tuffo nel passato. Il tutto è reso ancora più bello dalla magnifica natura del monte Nösslach e dai panorami mozzafiato. Il cartello informativo presso il rifugio Nösslachhütte fornisce indicazioni sulle singole tappe dell'escursione, che dura circa 1 ora.


Il mondo delle miniere di Ridanna Monteneve

Questo non è un semplice museo, ma un vero e proprio mondo dedicato alle miniere, dove potrete scoprire da vicino il durissimo lavoro a cui erano sottoposti i minatori per estrarre i minerali metalliferi. L'intera catena di produzione della miniera è rimasta perfettamente intatta: qui i visitatori possono confrontarsi con l'insieme delle complesse attività minerarie, dall'estrazione dei minerali metalliferi al difficile trasporto e alla lavorazione, nonché con gli sviluppi tecnologici degli ultimi 800 anni grazie agli innumerevoli impianti d'estrazione originali e ancora funzionanti, installati tra i 1.400 e i 2.700 m di quota.
Volendo si potrebbe riavviare l’attività estrattiva anche domani! Durante le visite si possono vedere gli impianti in funzione.

Vai alla pagina web


La miniera d'argento di Schwaz

Intorno al 1500, Schwaz era la metropoli estrattiva più grande del mondo e produceva ben l'85% dell'argento del pianeta, che a quei tempi rappresentava un presupposto indispensabile per le sorti del potere e della politica in Europa.
Dopo essere scesi per ben 800 m con la ferrovia della miniera inizia un'avventura sotterranea davvero unica: ripercorrete le tracce dei minatori che oltre 500 anni fa estraevano rame e argento e immergetevi in un'epoca lontana, quando ancora si pensava che la terra fosse piatta. Gli orari d'apertura variano dalle 09:00/10:00 alle 16:00/17:00. Si consiglia di informarsi in anticipo. 

Vai alla pagina web